Cura dopo la legatura endoscopica delle varici esofagee

Posted on

Sono stati inclusi 19 studi randomizzati sulla legatura con bendaggio rispetto ai beta-bloccanti non-selettivi per la prevenzione primaria delle varici esofagee.

In conclusione, questa revisione ha evidenziato un effetto benefico della legatura con bendaggio sulla prevenzione primaria del sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore in pazienti con varici esofagee. (Fonti Varie) a cura del Prof. Gaetano Idéo Che cos’è la Cirrosi epatica?La cirrosi epatica è una malattia cronica caratterizzata da alterazioni della struttura e delle funzioni del fegato. Sintomi meno comuni sono l’emissione di sangue dalle vie respiratorie (~), mal di testa, spossatezza, nausea e vomito, dolore alle articolazioni e ai muscoli, confusione, specie negli anziani. VARICI ESOFAGEE Trattamento del sanguinamento in attoRiequilibrio volemico / pressorio Tamponamento meccanico (sonda di Sengstaken-Blakemore) Scleroterapia / Legatura in urgenza Iniezione endovaricosa di cianoacrilato (Histoacryl) 25 rottura di varici esofagee, ma la legatura elastica va oggi considerata il 1986 da Stiegmann (2), ispirata dalla tecnica della legatura elastica delle Questa pressione spinge il sangue nelle vene vicini più piccole, come quelle dell’esofago. Le varici esofagee di solito non causano segni e sintomi a meno che non sanguinino. VENA MESENTERICA INFERIORE Una terza radice della vena porta, la vena mesenterica inferiore, raccoglie il sangue proveniente dal colon di sinistra e dal retto.

Le varici esofagee e le varici gastriche non dànno sintomi, se non quando avviene il sanguinamento, cioè queste varici, per la pressione indotta dall’ipertensione portale, scoppiano e causano sanguinamento.

  • In tutti i pazienti con insufficienza cardiaca sistolica ventricolare sinistra o disfunzione ventricolare sinistra a sintomatica
  • Controindicati in presenza di potassiemia >5,5, insufficienza renale avanzata (creatininemia > 3 mg/dL), gravidanza

Una terza radice della vena porta, la vena mesenterica inferiore, raccoglie il sangue proveniente dal colon di sinistra e dal retto.

Il sangue proveniente dalla vena mesenterica superiore, ricco dei prodotti della digestione, percorre prevalentemente il ramo destro, mentre quello proveniente dalla vena splenica si dirige prevalentemente a sinistra. Un’alta pressione u0026 gt; 10 mmHg prossimale vena blocco rilassarsi e aumentare la pressione capillare nelle vene drenanti organi ostruite: esofago e stomaco. Le principali classificazioni esistenti riguardano l esofagite da reflusso, l esofago di Barrett, l emorragia da ulcera peptica, le varici esofagee e gastriche. Le varici esofagee sono presenti nel 60% dei cirrotici scompensati e nel 30% dei pazienti compensati mentre le varici gastriche hanno una prevalenza del 20% (12). Pertanto la valutazione delle varici va fatta durante la retrazione dell endoscopio, mantenendo l esofago ben disteso dopo aver svuotato lo stomaco dall aria. Descrizione Le varici esofagee rappresentano una grave condizione patologica determinata dalla dilatazione delle vene del plesso sottomucoso dell’esofago. Garzantina medicina Per saperne di più: Le varici esofagee sono una dilatazione dei vasi dell’esofago, tipico di chi ha una malattia del fegato come la cirrosi. Nel 70 percento dei casi la rottura di queste anomalie delle pareti dell’esofago sono la causa delle emorragie digestive. La causa più frequente di ipertensione portale e quindi di comparsa di varici esofagee e/o gastriche (si formano nel fondo dello stomaco, vicino all’esofago) è la cirrosi epatica.

Le varici esofagee sono una deformazione patologica dell’esofago, il tubo che collega la gola alla stomaco e possono essere fatali in una persona su cinque.

  • Terapia sclerosante Polidocanolo; Tetradecilsolfato di sodio; Cianoacrilato
  • Polidocanolo; Tetradecilsolfato di sodio; Cianoacrilato
  • Sonda di Sengstaken-Blakemore
  • Legatura elastica

I tumori del corpo e della coda pancreatica possono causare ostruzione della vena splenica e splenomegalia, varici esofagee e/o gastriche e conseguenti possibili emorragie digestive.

La presenza di varici nell’esofago non causa particolari sintomi finchè non si verifica una rottura della parete della varice con conseguente sanguinamento e quindi una certa gravità. L’utilizzo di questi farmaci si basa sul concetto che l’acidità dello stomaco se risale in esofago potrebbe provocare la rottura della varice. lungo termineo legatura endoscopica delle varici esofagee; anche chirurgia 32-9 e 177-81) Le varici esofagee sono delle dilatazione delle vene sottomucose dell’esofago, spesso di origine congenita. Lo sviluppo di varici esofagee e/o gastriche rappresenta una delle conseguenze di maggiore rilievo clinico della ipertensione portale. Le varici gastriche possono essere associate a varici esofagee (nel qual caso la profilassi ricalca in gran parte quanto sopra espresso) od isolate. Le varici gastriche vanno distinte dalla gastropatia portale, con aspetto a mosaico della mucosa4, che può essere causa di stillicidio cronico. Via e Foto | ANT Filed Under: Uncategorized Le varici esofagee sono una anomalia che comprende vene dilatate nella parte inferiore dell’esofago. Il sangue quindi ritorna nei vasi sanguigni vicini più piccoli, come quelli dell’esofago, provocando un gonfiore delle vene.

Il trattamento di scelta come prevenzione per il ri-sanguinamento da varici esofagee è rappresentato dalla legatura della varici e dall’uso dei beta bloccanti

  • Esofago: varici esofagee o tumori maligni
  • Stomaco: ulcera gastrica, tumori maligni o gastrite emorragica
  • Intestino: diverticoli, polipi, tumori, malattia emorroidaria o ragadi o malattie infiammatorie croniche intestinali

Segni e sintomi di sanguinamento sono: Se si soffre di varici esofagee, il medico può richiedere di prestare attenzione ai segni di sanguinamento.

Le varici esofagee si possono verificare anche nella parte superiore dello stomaco. La terapia per abbassare la pressione del sangue nella vena può ridurre il rischio di sanguinamento delle varici esofagee. Se le varici esofagee hanno un alto rischio di emorragia, il medico può raccomandare una procedura chiamata legatura elastica. Creando un percorso aggiuntivo per il sangue, lo shunt riduce la pressione nella vena porta e spesso ferma l’emorragia da varici esofagee. Disturbi associati sono: renali, respiratori, cardiovascolari e immunitari che causano il 5060% della mortalità nei pazienti con varici esofagee. –           Arterie Gastriche Brevi, alla porzione superiore della Grande Curvatura dello stomaco decorrendo nel Legamento Gastrolienale. 2) Vena Gastrica Destra, drena il sangue dalla porzione inferiore e dalla faccia anteriore e posteriore della Stomaco passando per la Piccola Curvatura fino al Piloro per poi affluire. varici sono delle vene dilatate anormalmente trovati in esofago , intestino e stomaco e sono una complicanza comune di cirrosi epatica . La vena porta , che è la vena collegamento stomaco , intestino e milza al fegato è responsabile del trasporto 1500 ml di sangue al minuto da questi organi al fegato .

VARICI ESOFAGO GASTRICHE E LEGATURA ELASTICA

Indicano una condizione di fragilità o di parziale lacerazione della parete vascolare: Le varici gastriche in genere accompagnano quelle esofagee, ma possono verificarsi separatamente.

Il trattamento di scelta come prevenzione per il ri-sanguinamento da varici esofagee è rappresentato dalla legatura della varici e dall’uso dei beta bloccanti. GOV: VARICI ESOFAGO GASTRICHE GOV1: in continuazione con le varici esofagee e si estendono per 2-5 cm al di sotto della giunzione; GOV2: si estendono in direzione dl fondo gastrico. L’ipertensione portale è un aumento della pressione nella vena porta, quella che conduce il sangue dagli organi coinvolti nella digestione verso il fegato. Riferimento: Wikipedia Esegui la ricerca fra i contributi umani Le varici esofagee sono delle dilatazioni delle vene dell’esofago pericolose perché possono rompersi e causare un’emorragia esofagea. Purtroppo le varici esofagee, cioè la dilatazione delle vene dell’esofago, non procurano alcun sintomo finché non avviene la loro rottura. I sintomi, i segni clinici e le complicazioni dell’insufficienza epatica possono essere di vario genere; certi fattori sono presenti sia nella forma acuta che cronica, mentre altri risultano più specifici. I segni e i sintomi dell’insufficienza epatica cronica sono spesso correlati alla necrosi (morte) delle cellule del fegato. Le varici esofagee sono vene dilatate in modo anormale situate nella parte finale dell’esofago e collegate al fegato. Sintomi Le varici nello stomaco sono vene sottomucose dilatate nello stomaco, e possono essere pericolose per la vita a causa di un´emorragia digestiva alta.

Cura dopo la legatura endoscopica delle varici esofagee

Anche le varici gastriche possono apparire in pazienti con trombosi della vena splenica, dove le vene gastriche corte drenano il fondo del flusso dello stomaco.

Alcune delle cause che possono provocare l´apparizione di varici nello stomaco possono essere: Il trattamento iniziale dell´emorragia per varici gastriche si concentra nella rianimazione, allo stesso modo delle varici esofagee. Le varici esofagee in generale non causano segni e sintomi, a meno che sanguinino. L´ingrandimento delle vene delle varici esofagee si formano quando il flusso di sangue al fegato diventa più lento. Malattie epatiche e altre cause delle varici esofagee: Le varici esofagee sono più spesso una complicazione della cirrosi - cicatrizzazione irreversibile del fegato. Questo rallenta il flusso di sangue e provoca la congestione, che sono la causa di questa malattia nel esofago inferiore. ~ per escludere un carcinoma dello stomaco o altre affezioni gastriche), colonscopia (esclusione di un carcinoma del colon, di una malattia intestinale infiammatoria cronica, ecc. In presenza di questi sintomi, il medico, dopo la visita, prescrive le analisi del sangue e la ~, una tecnica diagnostica che consente esplorare visivamente l’esofago, lo stomaco e il duodeno. Le varici esofagee non sono altro che delle dilatazioni eccessive, che spesso si verificano insieme, delle vene sottomucose che si trovano all’interno dell’esofago. Descrizione Legatura delle varici esofagee (Endoscopic Variceal Ligation, EVL) La tecnica della legatura ha quasi del tutto sostituito la sclerosi delle varici (gravata da maggiori complicanze).

Rivolgersi al proprio medico dopo la legatura endoscopica delle varici esofagee

Le attività associate alla manovra di Valsalva, come lo sforzo durante la defecazione, il vomito e la tosse, può causare un brusco aumento della pressione delle varici esofagee.

Tamponamento con Sonda di Sengstaken-Blakemore (varici esofagee) o di Linton (varici gastriche): interrompe temporaneamente l’emorragia ma è associato ad elevata frequenza di risanguinamento post tamponamento. Inoltre, sia l’iniezione di liquido nelle varici sia la legatura provocano delle ulcere della mucosa dell’esofago. Le varici esofagee si formano per l’aumento della pressione venosa nel circolo portale; questa condizione causa un rigonfiamento della rete venosa del cardias e dell’esofago. Trattamento dell’emorragia acutaLa rottura delle varici esofagee (che si presenta con ematemesi e/o melena) è la causa di 60% - 70% delle emorragie digestive nella cirrosi. Le altre cause più frequenti sono la gastropatia ipertensiva (20%, che rappresenta un sanguinamento dalla mucosa dello stomaco) e le varici gastriche (5%, che sono delle vene dilatate nello stomaco). Le varici esofagee sono il segno dell’anomala presenza di anastomosi (circuiti collaterali) venose nel sistema porta-cava, dovute a ipertensione portale (cirrosi, cancro del fegato, trombosi della vena porta). Come conseguenza il tratto addominale dell’esofago e parte dello stomaco vengono attratti nella cavità toracica formando un’ernia attraverso lo iato diaframmatico. La sonda si lascia in posizione per il tempo necessario a stabilizzare il sanguinamento, prima di procedere alla legatura delle varici in endoscopia. LEGATURA (SCLEROSI) È il miglior trattamento per risolvere il sanguinamento acuto da varici dell’esofago o della prima porzione dello stomaco (fondo gastrico).

Vengono, quindi,  programmate altre sedute di legatura della varici esofagee residue a distanza di circa due settimane.

Il Gastroenterologo Endoscopista effettua procedure endoscopiche terapeutiche, tra le quali riveste un posto importante quella della bruciatura (sclerosi) o legatura (legatura endoscopica con lacci elastici) delle varici esofagee. Le varici gastriche (in genere situate nel fondo dello stomaco) sono difficili da aggredire e possono essere trattate con un collante (cianoacrilato) per evitare che sanguinino. Sintomi Le vene varicose di solito non causano alcun dolore. uso, per la terapia delle varici esofagee è la legatura elastica (2), ideata da La vena porta origina dalla confluenza delle vene mesenterica superiore, mesenterica inferiore e lienale, che drenano il sangue proveniente da stomaco, intestino, pancreas, colecisti e milza. La vena mesenterica superiore, con i suoi rami affluenti, raccoglie il sangue refluo dall’intestino tenue, dal colon destro e trasverso e da parte dello stomaco e del pancreas. EMORRAGIE GI RARE Età Sede pediatrica adulta Esofago Stomaco Duodenoprossimale Sede Digiuno,ileo Colon Sigma Retto distale Prof. Vito Maria Stolfi Cattedra di Chirurgia Generale Università di Roma Tor Vergata 3 A volte le vene gonfie conosciuti come varici, si sviluppano nello stomaco o esofago, e possono sanguinare, in cui una perdita di sangue pericolo di vita. L’emorragia delle vene dell’esofago (varici) è una delle complicanze più gravi che può verificarsi in un paziente affetto da una malattia cronica del fegato. Nel caso in cui ci siano delle alterazioni del funzionamento del sistema di drenaggio del sangue venoso degli arti inferiori si può sviluppare un’insufficienza venosa cronica.